Articoli

Obiettivi e finalità del sistema: parole d’ordine per progettare con criterio

13/11/2012

di Luca Algeri, FGS Brescia, Surveye

Assistiamo ogni giorno a fatti incresciosi quali rapimenti, aggressioni, sparatorie e furti nei quali sempre più spesso i sistemi di sicurezza, con relative registrazioni di immagini, permettono alle Forze dell’Ordine di dare un valido supporto nelle indagini. L’ormai dilagante senso di insicurezza e di percezione del rischio amplifica la diffusione di tali sistemi: sul mercato sono ormai disponibili prodotti e soluzioni di tutti i tipi a prezzi abbordabili, che elogiano le caratteristiche di questo o quell’impianto, ma che potrebbero indurre a sottovalutare la complessità di un’architettura del sistema. La sensazione è che la validità di un sistema di sicurezza si riconduca alle semplici componenti installate in periferia (telecamere, sensori, volumetrici, ecc), ma questo aspetto costituisce solo il singolo anello di una catena ben più complessa.

 

Un sistema efficiente deve nascere da idee chiare sugli obiettivi da raggiungere ed è importante essere in grado di dimensionare l’intero impianto affinché non abbia punti deboli che lo renderebbero, in fase applicativa, inefficace. La complessità della materia sconsiglia vivamente di affidarsi al “fai da te” con ricerche in internet o sfogliando cataloghi specializzati in materia, cimentandosi ad incastrare gli apparati quale sorta di puzzle, cercando di trovare una soluzione vantaggiosa a livello economico, perdendo poi di vista l’effettivo valore del sistema, soprattutto in termini di “sicurezza”.

 

In fase di analisi dobbiamo prima di tutto cercare di rispondere ad un paio di domande, che risulteranno fondamentali nel proseguo del progetto:

  1. nella ricerca della soluzione più appropriata abbiamo capito la vere necessità del cliente?
  2. sono chiare le finalità che deve ottenere il sistema?

Individuare obiettivi e finalità prima di progettare

 

Solo una volta comprese appieno le esigenze del cliente è possibile iniziare la ricerca dei prodotti ideali e gestirne la conseguente progettazione. Per far ciò, è bene affidarsi a partners ben introdotti e fortemente presenti sul mercato. Partners che non forniscano solo apparecchiature valide e performanti, ma anche attivi nel post vendita ed in grado mantenere il sistema efficiente e all’avanguardia. Affidiamoci allora ad Aziende che non siano solo semplici fornitori “degli strumenti”, ma ad una Struttura che sia costantemente al nostro fianco e in grado di essere puntuale nelle risposte; scegliamo Partners che ci affianchino anche in fase di progettazione, in quanto le variabili da valutare sono molteplici a fronte di insidie spesso non chiaramente valutabili di primo acchito.

 

La trasmissione del dato

 

Dopo aver individuato la componente dedicata all’acquisizione dei dati - la telecamera, il sensore, il volumetrico, che sia - un occhio di riguardo va alla trasmissione del dato stesso e cioè all’insieme di quegli elementi che trasportano l’informazione acquisita: rame, fibra, wireless... La trasmissione del dato va quindi necessariamente strutturata senza parsimonia e curata nei minimi particolari, così come l’elaborazione del dato, cuore del sistema, la parte più delicata e complessa, dove il dato elaborato diventa informazione consultabile dal sistema intelligente e l’archiviazione del dato stesso: dimensionamento, limitazione nella conservazione, sicurezza e tipo di accesso sono solo alcuni degli aspetti da salvaguardare. Non sempre ciò che appare come l’ultima innovazione prodotta dal mercato può risultare la scelta ideale per il contesto da proteggere.

 

Gli aspetti organizzativi, la formazione, la comunicazione

 

Naturalmente tutti questi aspetti decisionali e progettuali si devono combinare con gli importanti aspetti organizzativi. Progettazione e organizzazione (capire cosa è in grado di poter fare colui che gestisce le chiamate, gli allarmi, la comunicazione…) sono un binomio imprescindibile per un buon progetto. Tali aspetti organizzativi partono da un attento sopralluogo e dall’analisi dei processi di trasformazione ed evoluzione dei layout del cliente, per arrivare alla valutazione dei rischi, ai tempi di intervento ed alle eventuali difficoltà installative e manutentive, in seguito. Va sottolineata pertanto l’importanza di accompagnare il progetto con un’adeguata formazione e comunicazione/ informativa, al fine di far comprendere obiettivi e finalità del sistema, rendendo partecipi le risorse umane direttamente coinvolte nella strategia decisionale.

 

In conclusione

 

La sicurezza sta subendo un grosso cambiamento: nuove tecnologie e nuovi attori convergono in un settore che progredisce velocemente. Il Cliente è sempre più preparato ed esigente. Formazione ed aggiornamenti, uniti alla profonda conoscenza del settore, sono il motore fondamentale per puntare sempre in alto.


pagina precedente